La verità sulla violenza domestica

È terribile che alcune donne credano ancora: dicono che i battiti significano amore. Un altro problema con la violenza domestica è che non è sempre espresso in percosse. Quando una moglie, dopo una dura giornata, si è rifiutata di fare sesso con il marito, e lui non le ha parlato per due giorni e le ha voltato le spalle – è violenza o no? E quando lancia frasi come: “Chi ha bisogno di te così, oltre a me? Guardati allo specchio! ” Se una donna non lavora, e suo marito chiede conto di ogni piccola cosa acquistata, non è questo un semplice risparmio domestico? Tutti questi esempi sono manifestazioni di violenza domestica, dicono gli psicologi..

Durante i 10 anni della guerra in Afghanistan, l’Unione Sovietica ha perso 17.000 persone. E ogni anno più di 10.000 donne in tutto il mondo vengono uccise dai loro mariti o partner. Secondo le statistiche (probabilmente, per come la intendiamo noi, incomplete), una donna su tre in Russia subisce violenza fisica da parte levitra generico senza ricetta dell’uomo con cui convive. Le vittime, infatti, sono più numerose: i bambini, assistendo a violenze domestiche, subiscono gravi traumi mentali e acquisiscono esperienze negative da trasferire alle loro future famiglie. Successivamente, avranno un alto rischio di diventare vittime o tiranni..

Si può prevenire questa tragedia? Sfortunatamente, non completamente. Una donna non può essere sicura che un giorno il suo partner non ricorrerà a uno di questi tipi di violenza. Ma ci sono alcuni segni che suggeriscono che il tuo ragazzo è incline all’aggressività.. Gli psicologi consigliano di prestare attenzione ai seguenti “campanelli d’allarme”:

– il tuo partner sta cercando di isolarti da incontri con amici o parenti. Cerca di controllare i tuoi contatti, sostenendo che sono all’origine dei problemi familiari. (“Non mi piace tua madre, ti influenza male”, “Tua sorella vuole rovinare il nostro matrimonio, non parlarle più”, “I tuoi amici ti chiamano a feste dove ci sono altri uomini, io no mi piace “);

– patologicamente geloso, e in questo trova una scusa per il suo comportamento di controllo;

– soggetto a un brusco cambiamento di umore, accompagnato da esplosioni di irritabilità;

– spesso ti chiede o ti costringe a fare ciò che non ti piace, senza essere interessato al tuo stato emotivo e fisico. (Esempio. Ti piace un soggiorno confortevole, prendi facilmente freddo, non ti piacciono zanzare e moscerini, sei allergico ai pollini o ad altre piante. Ma ogni estate vai in campeggio con una tenda perché al tuo partner piace così tanto. La tua persuasione ad andare a un albergo poco costoso ignora il mare, affermando che “niente può sostituire le attività ricreative all’aperto” o con qualsiasi altro pretesto);

– trasferisce regolarmente la colpa delle proprie azioni agli altri;

– è crudele con i bambini o gli animali;

– aggressivo e scortese nel trattare con te;

– è scortese nei rapporti sessuali, non tiene conto delle tue preferenze;

– ricorre a minacce di suicidio se si tenta di interrompere la relazione;

– da bambino ha assistito alla violenza domestica nella famiglia dei genitori;

– o ha esperienza di un aggressore in relazione a un partner precedente.

La violenza fisica si sviluppa secondo le proprie leggi. La prima fase è l’accumulo di tensione. La relazione tra i partner si sta gradualmente riscaldando. Compaiono focolai individuali di insulti, che possono essere verbali o emotivi. Di solito, dopo tali sfoghi, un uomo si scusa, trovando la “ragione” nei problemi sul lavoro, nel comportamento della moglie, ecc. Anche la moglie cerca di giustificarlo, dicendo che è “solo stanco” e lei è “se stessa” incolpare.” Spesso le donne credono che il loro comportamento “corretto” in questo momento possa tenere la situazione sotto controllo o mitigarla. Ma questo non funziona: dopo un po ‘la situazione passa alla fase successiva..

La fase di violenza acuta è caratterizzata da un rilascio intenso, azioni distruttive ed esplosioni emotive estreme nella loro forma più negativa. Gli accessi di rabbia sono così forti che l’autore del reato non può più negare la loro esistenza e la donna non può non ammettere che hanno una forte influenza su di lei. In una situazione del genere, una donna può anche tentare di accelerare l’atto di violenza – per “portare” il partner – poiché non ha più la forza di sopportare la crescente tensione e paura. L’aggressore usa spesso questo come una scusa per le sue azioni: “l’ha provocato lei stessa”. Ma questa non è altro che una manipolazione psicologica. Nessuna parola o azione di una donna può essere usata come scusa per picchiare. Questa è la fase più breve. Dura da 2 a 24 ore. Dopo di ciò, di solito c’è un po ‘di riflessione da parte dell’autore del reato e negazione della gravità di ciò che è accaduto..

La terza (e la più pericolosa psicologicamente) è la fase della “luna di miele”. Questo fenomeno è tipico di tutte le relazioni codipendenti, che includono la violenza e l’ubriachezza di uno dei coniugi, così come la droga o qualsiasi altra dipendenza (ad esempio dal gioco d’azzardo). L’autore del reato si trasforma letteralmente: diventa gentile, amorevole, premuroso. Può dimostrare rimorso per quello che aveva fatto o, al contrario, accusare la donna di aver provocato violenza, “portandolo”. Ma in ogni caso, promette di “non ripetere mai” una cosa del genere, chiede perdono. Per un periodo di tempo, può diventare un padre e un marito meravigliosi, inondare la sua famiglia di regali, trascorrere del tempo insieme, scherzare e sembrare un partner ideale..

Purtroppo questa fase è la fase naturale del circolo della violenza, e nient’altro. Nessuna donna dovrebbe cedere a queste promesse. A questo punto, credere che lo stupratore “si pentirà e si riformerà” significa dargli carta bianca per le successive percosse. Renditi conto che un uomo normale non alzerà la mano contro una donna. E nessuna bella parola e nessun gesto appianerà quello che ha fatto.

L’uomo ha ancora vinto una “vittoria” sulla donna, e ora vuole mantenere la donna in questa relazione. Durante questo periodo, è probabile che l’uomo continui a usare altri tipi di violenza: controllo economico, abuso emotivo, commenti dispregiativi sul suo aspetto, al fine di mantenere il controllo anche durante questa fase..

È importante ricordare che la violenza domestica non è il risultato della tua provocazione, dei problemi dell’uomo sul lavoro o simili. Molti uomini, che le loro mogli provocano e persino scandalizzano con loro, sanno litigare senza l’uso dei pugni. Allo stesso modo, molti uomini sanno come alleviare lo stress dopo il lavoro in altri modi e non se lo prendono a casa.

Picchiare una donna è un crimine e la persona che vi ricorre ha problemi mentali. Ricorda anche che non puoi “salvarlo”. Solo uno psicoterapeuta qualificato può aiutarlo, e quindi a condizione del consenso volontario alla terapia e alla ricerca dei suoi problemi..

Cosa dovrebbe fare una donna che ha subito violenza fisica? C’è solo una risposta: prepara le tue cose e vattene. Se non hai abbastanza forza per farlo, significa che la situazione è andata lontano e hai bisogno dell’aiuto di uno specialista o di parenti. Idealmente, dovresti rivolgerti a entrambi. Nelle grandi città ci sono centri di crisi per aiutare le donne vittime di violenza fisica. Spesso l’assistenza in tali luoghi è fornita gratuitamente..

Se decidi di andartene e sei pronto a farlo da solo, assicurati. Il fatto è che quando cerchi di interrompere una relazione, la situazione diventa più pericolosa. Pertanto, pianifica la tua partenza in anticipo..

Non minacciare di andartene invano: c’è il rischio di essere picchiato e persino paralizzato. In questo caso, vale la “legge della giungla”: prima agisci, poi dai voce. Se minacci solo di fuggire, questo argomento cesserà molto presto di funzionare e perderai la determinazione..

È meglio che ti prepari in assenza di tuo marito. Prendi le chiavi dell’appartamento, i documenti, se possibile – soldi, così come le cose più necessarie: vestiti, medicine (tue e bambini, se hai bambini).

Concordare in anticipo con parenti, amici o conoscenti (preferibilmente sconosciuti all’aggressore) sulla concessione dell’asilo, se necessario. Nascondi e distruggi tutti gli indirizzi che potrebbero aiutare l’aggressore nella sua ricerca. Meglio andare sul sicuro e acquistare una nuova scheda SIM per il tuo cellulare. Sarebbe ancora meglio contattare un centro di crisi specializzato per l’assistenza alle vittime di violenza..

Non scappare dall’appartamento “in quello che è”, una fuga impreparata La costringerà a tornare presto – di regola, a condizioni estremamente sfavorevoli per Lei. Quindi metti tutte le tue cose in una borsa o in una valigia. Non ritardare le tasse fino all’arrivo dell’aggressore, altrimenti rischi la tua salute, forse la vita..

Ma in caso di un’intrusione inaspettata da parte dell’aggressore, concorda con vicini affidabili di chiamare la polizia se sentono urla o musica ad alto volume dall’appartamento (questo viene spesso suonato per soffocare le urla della vittima per chiedere aiuto). La pubblicità è anche una rete di sicurezza. Non importa quanto sia difficile, cerca di condividere la situazione pericolosa nella tua famiglia con quante più persone possibile: vicini, amici, parenti, colleghi. Prova a chiamare la polizia, anche se, come dimostra la pratica, in questi casi sono riluttanti. Ricorda: pericolo silenzioso, stai assistendo lo stupratore.

Esci di casa velocemente e in silenzio. Resisti all’impulso di lasciare il tuo nuovo indirizzo o numero di telefono per celebrare la vittoria sull’aggressore: in questo modo metti in pericolo te stesso ei tuoi figli. Non dubitare che stai facendo la cosa giusta. Rompere con l’aggressore è l’unico modo per proteggersi. E l’impunità è il fattore più potente che provoca e stimola la violenza. Ricorda: nel 95% dei casi, se l’abuso fisico o sessuale è già avvenuto, non sarà limitato a una volta. Inoltre, gli eventi si verificheranno in modo crescente: con ogni volta successivo, il grado di crudeltà e la frequenza di ripetizione aumentano..

È importante sapere! Esistono tipi di violenza implicita che è importante riconoscere. Alcune donne credono che se un partner non ha mai alzato una mano contro di loro, non può in alcun modo essere considerato uno stupratore. Tuttavia, oltre alla violenza fisica, ci sono altri tipi di violenza: insulti, umiliazioni, controllo sul denaro, minacce verbali. Tutte queste azioni sono distruttive quasi quanto la violenza fisica..

Tipi di violenza che non è fisica:

Abuso emotivo. Insulti in qualsiasi forma: imprecazioni, insulti a un partner, sminuire il suo successo. Una valutazione dispregiativa dell’aspetto della moglie, frasi come “Sei brutta, donna grassa”, “Magrissima come un’aringa”, “Sì, nessuno ti guarderà”, “Chi ha bisogno di te tranne me”. Il tiranno psicologico apprezza molto sua moglie e ha paura di perderla, quindi cerca di abbassare la sua autostima, cerca di ispirare sua moglie che nessuno tranne lui può amarla. Succede anche che il marito mantenga le emozioni della moglie in uno stato depresso, sopprimendola come persona. Quindi, cerca di ottenere il potere completo su di lei. La permanenza prolungata di una donna in stato di stress emotivo porta alla comparsa di gravi problemi psicologici e persino disturbi di salute..

Anche l’intimidazione in qualsiasi forma è una forma di violenza, anche se l’aggressore non interviene. L’intimidazione può includere minacce di morte, minacce di suicidio, distruzione degli oggetti domestici della vittima o semplicemente il crollo dei mobili della casa. Spingere, non cedere, non permettere cibo e bevande in un’atmosfera rilassata, afferrare i vestiti – tutto questo è anche violenza, e sull’orlo del fisico.

L’abuso sessuale non è sempre facile da riconoscere. Lo stupro in quanto tale equivale alla violenza fisica. Tuttavia, oltre al possesso diretto di una donna senza il suo consenso, c’è anche il ricatto nei rapporti sessuali, quando un partner, con vari pretesti, persuade una donna a fare sesso quando non lo vuole affatto. Anche questa è violenza, e distruttiva: si scopre che con il sesso la costringe a comprare amore e buone relazioni in senso emotivo. Ad esempio, il marito si alza presto e insiste costantemente per fare sesso al mattino. E una donna non può comportarsi adeguatamente in questa situazione al mattino, e suo marito inizia ad accusarla di essere una cattiva moglie. Se un uomo costringe una donna a impegnarsi in rapporti sessuali o forme di intimità che le sono inaccettabili, così come se il marito costringe sua moglie a vestirsi sessualmente quando non vuole, anche questa è violenza sessuale..

Isolamento e gelosia morbosa. Il divieto di comunicare con parenti e amici – di solito con il pretesto della loro “cattiva influenza”. L’obbligo di indossare abiti larghi in cui una donna sembra asessuata, di non truccarsi, di non usare la profumeria, “in modo che gli uomini fuori non guardino”. Attribuire a una moglie di essere dalla parte o un desiderio di cambiare senza pretesti evidenti. Indagini su dove fosse, con l’obbligo di fornire un rapporto minuto per minuto. Telefonate costanti. L’obbligo di tornare a casa a una certa ora, di solito molto presto per una persona adulta indipendente (alle nove, alle dieci).

Violenza economica. La violenza economica è particolarmente comune nelle famiglie in cui il marito guadagna bene e la moglie si prende cura della casa e dei figli. Spesso si sviluppa nelle famiglie in cui i coniugi conducono un’attività in comune: in questo caso, l’uomo prende per sé tutto il ricavato e la moglie potrebbe non conoscere nemmeno il suo reddito reale e gli utili dell’azienda. Un uomo costringe il coniuge a chiedergli soldi per qualsiasi sciocchezza, prende tutti i soldi, chiede un rapporto su ogni centesimo speso (a volte – fino all’obbligo di fornire assegni). Di buon umore, può darle una grossa somma “per bigiotteria e cosmetici”, di cattivo umore – per disperdere prodotti troppo costosi nel frigorifero, o semplicemente accusarla di spendere soldi. Tuttavia, questa situazione può svilupparsi anche in una famiglia in cui entrambi i partner lavorano e persino, paradossalmente, in un matrimonio in cui lavora solo la moglie. Il marito di solito spiega la sua disoccupazione “trovandosi” o “per mancanza di offerte degne” e allo stesso tempo rimprovera alla moglie di non sapere come spendere i soldi. Spesso la violenza economica è anche un modo per controllare i movimenti: in assenza di denaro, la moglie non può andare da nessuna parte, è legata forzatamente al marito e alla casa.

Violenza sociale. Un uomo impedisce a sua moglie di trovare un lavoro. Se sta già lavorando, persuade o addirittura chiede il licenziamento con vari pretesti. Può persino aggiustare le situazioni che minano l’autorità di una donna al lavoro (ad esempio, la chiude “accidentalmente” a casa senza chiavi, mentre in azienda i coniugi hanno un atteggiamento estremamente negativo nei confronti del ritardo. Quando gli viene chiesto di tornare indietro e farla uscire , annuncia che non può lasciare il mio lavoro).

La violenza sociale può anche essere espressa nel livellamento dei risultati del partner. Tutti i suoi progetti, secondo il marito, “non costano nulla”, lo stipendio “avrebbe potuto essere di più” e la sua azienda “sta facendo sciocchezze” e non ne vale la pena. Ciò include anche trascurare gli hobby del partner, prenderlo in giro in privato o di fronte agli amici. Paragonare un partner allo zero “sociale” è una forma grave di violenza, poiché per qualsiasi adulto, la realizzazione professionale o sociale è una parte importante della vita.

I sentimenti della vittima sono segni eloquenti di violenza domestica.

La violenza domestica è ovvia se:

– il temperamento o la personalità del tuo partner ti sta travolgendo. In sua presenza ti senti costretto, non puoi comportarti in modo naturale, devi guardare come parli, bevi, mangi, cammini e così via;

– ti senti intimidito dal tuo partner;

– cambiare spesso le decisioni solo perché hai paura della reazione del tuo partner;

– a casa ti umiliano, chiamandoti e insultandoti con parolacce varie;

– Sei continuamente criticato per varie piccole cose quotidiane, come la cucina, i vestiti e l’aspetto;

– sei costantemente minacciato che ti privino di denaro o di qualsiasi proprietà, ti portino via i tuoi figli, imbrogliano, picchiano;

– sei costretto a rapporti sessuali attraverso il ricatto, il tuo partner suggerisce che la pace in famiglia è possibile solo se accetti sempre di fare sesso. Ogni rifiuto provoca risentimento o scandalo dimostrativo;

– costretto a nascondere ciò che sta accadendo fuori dalle mura di casa tua. Anche amici intimi o parenti non possono raccontare di nuovo alcuni episodi della tua vita;

– ti accorgi di aver iniziato a perdonare gli altri per cattivi atteggiamenti e trascuratezza, considerandoli “normali”, “abituali”;

– ti senti solo e isolato dal mondo.

Articoli simili

  • I quattro principali ruoli sessuali dell’uomo e della donna

    L’eccezionale psicoterapeuta americano Alexander Lowen ritiene che l’uomo moderno tenda ad aderire a un certo stereotipo di ruolo, e che…

  • Come diventare il gentiluomo che molte ragazze sognano?

    Se noti che le ragazze non accettano un secondo appuntamento con te o rifiutano del tutto il primo appuntamento, è tempo di riconsiderare le tue maniere….

  • Tutto quello che volevi chiedere a un sessuologo

    Sicuramente ogni donna, indipendentemente dall’età e dall’esperienza di vita, ha e ha domande che vorrei porre…

About the Author

Related Posts